MATTIUSSI ECOLOGIA PRESENTA ‘REXA’ A ECOMONDO

Mattiussi Ecologia 01

Un nuovo progetto di Mattiussi Ecologia in partnership con MQuadro

La prossima edizione di Ecomondo, la Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile che si terrà a Rimini dal 7 al 10 novembre, vedrà la prima partecipazione di REXA, la nuova impresa nata dall’unione delle competenze di due realtà all’avanguardia nei rispettivi settori: MATTIUSSI ECOLOGIA, da oltre trent’anni trendsetter nello sviluppo e nella produzione di soluzioni e sistemi dedicati alla raccolta differenziata dei rifiuti, e MQUADRO, che vanta una lunga esperienza come azienda di electronic engineering specializzato nella produzione di sistemi e servizi professionali per la localizzazione e il monitoraggio di persone, mezzi mobili e asset sul territorio.

L’evento sarà l’occasione per presentare il nuovo sistema integrato per il monitoraggio, la gestione e l’ottimizzazione dei flussi di raccolta dei rifiuti.

LOGO MATTIUSSI ECOLOGIA

Progettare e realizzare sistemi integrati personalizzati per il monitoraggio delle utenze e la gestione dei rifiuti: questa la mission di REXA

Sistemi portatili per la gestione delle isole ecologiche, come la linea di prodotti Waste Scan, sistemi per la gestione delle flotte e la raccolta dei dati per una tariffazione puntuale, sistemi intelligenti per la raccolta dei rifiuti: tutti generano dati che confluiscono nel portale ideato da REXA, il cuore del sistema di gestione dei servizi che permette di avere un controllo globale dei flussi di rifiuti al fine di attuare una gestione ottimale degli stessi.

REXA è oggi in grado di offrire una soluzione a tutto tondo per la gestione e l’ottimizzazione dei flussi di raccolta, affinché sia possibile concepire il rifiuto come nuova preziosa risorsa, obiettivo che contraddistingue questa nuova azienda nata dalla pluriennale esperienza di due importanti realtà per guardare al futuro delle risorse e alle nuove generazioni.

Rexa

 

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Post collegati:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*