Parlamento Europeo: L’ECONOMIA CIRCOLARE E’ DIVENTATA UNA DIRETTIVA

europa

“il Parlamento Europeo a larghissima maggioranza dice si all’. Finisce un lavoro di tre anni ma soprattutto inizia per l’Europa una sfida. Fare dei rifiuti non più un costo per i cittadini ma un valore per l’economia è possibile.” con questo Tweet, l’Europarlamentare Simona Bonafè (Partito Democratico), relatrice del provvedimento, ha annunciato l’approvazione del pacchetto sui rifiuti e l’economia circolare.

Simona Bonafè - Parlamentare europea per il partito democratico e relatrice del pacchetto "Circular Economy"

Simona Bonafè – Parlamentare europea per il partito democratico e relatrice del pacchetto “Circular Economy”

Migliorare la gestione dei rifiuti non porterà benefici solo all’ambiente, al clima e alla salute umana. I quattro atti legislativi fanno anche parte di uno spostamento della politica dell’UE verso un’economia circolare, ovvero un sistema in cui il valore di prodotti, materiali e risorse viene mantenuto nell’economia il più a lungo possibile.

Entro il 2025, almeno il 55% dei rifiuti urbani dovrà essere avviato al riciclo (qiuindi si conferma che il valore di riferimento non la percentuale di raccolta, ma quanto vienne avviato al ririclo), afferma il testo, come concordato con il Consiglio dei ministri.

L’obiettivo salirà al 60% entro il 2030 e al 65% entro il 2035.

Il 65% dei materiali di imballaggio dovrà essere riciclato entro il 2025 e il 70% entro il 2030.

Vengono fissati nuovi obiettivi separati per specifici materiali di imballaggio, come carta e cartone, plastica, vetro, metallo e legno.

Il progetto di legge limita inoltre la percentuale di rifiuti urbani che potranno essere collocati in discarica ad un massimo del 10% entro il 2035.

Nel 2014, Austria, Belgio, Danimarca, Germania, Paesi Bassi e Svezia non hanno praticamente scaricato rifiuti urbani in discarica, mentre Cipro, Croazia, Grecia , Lettonia e Malta continuano a scaricare più di tre quarti dei loro rifiuti urbani in discarica.

I tessili e i rifiuti pericolosi delle famiglie dovranno essere raccolti separatamente entro il 2025.

Entro il 2024, i rifiuti biodegradabili dovranno anche essere raccolti separatamente o riciclati a casa attraverso il compostaggio.

In linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, gli Stati membri dovrebbero mirare a ridurre lo spreco alimentare del 30% entro il 2025 e del 50% entro il 2030.

Al fine di prevenire i rifiuti alimentari, gli Stati membri dovrebbero fornire incentivi per la raccolta di prodotti alimentari invenduti e la loro ridistribuzione in condizioni di sicurezza.

Per gli eurodeputati dovrebbe essere anche migliorata la consapevolezza da parte dei consumatori del significato delle date dell’etichetta “use by” e “best before”.

Con questo pacchetto, l’Europa è fermamente impegnata nello sviluppo economico e sociale sostenibile, che integrerà finalmente le politiche industriali e la protezione ambientale“, ha affermato l’eurodeputato Simona Bonafè (S & D, IT). “L’economia circolare non è solo una politica di gestione dei rifiuti, ma è un modo per recuperare le materie prime e non stravolgere le già scarse risorse del nostro pianeta, anche innovando profondamente il nostro sistema produttivo. Questo pacchetto contiene anche importanti misure sulla gestione dei rifiuti, ma allo stesso tempo va oltre, definendo regole che tengano conto dell’intero ciclo di vita di un prodotto e mirino a modificare il comportamento delle imprese e dei consumatori. Per la prima volta, gli Stati membri saranno obbligati a seguire un quadro legislativo unico e condiviso “.

Il testo torna ora al Consiglio per approvazione formale prima della pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’UE, la registrazione ufficiale di tutti gli atti giuridici dell’UE.

Un’economia circolare implica ridurre al minimo i rifiuti e riutilizzare, riparare, ristrutturare e riciclare materiali e prodotti esistenti. Il passaggio a un’economia più circolare ridurrà la pressione sull’ambiente, migliorerà la sicurezza dell’approvvigionamento di materie prime, aumenterà la competitività, l’innovazione e la crescita e creerà posti di lavoro.

 

LEGGI IL COMUNICATO STAMPA DEL PARLAMENTO EUROPEO

Share on FacebookTweet about this on Twitter

Post collegati:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*