EUROSTAT 2015: la produzione dei rifiuti nell’Unione Europea

Nel 2015 la quantità di rifiuti urbani prodotti per persona nell’Unione Europea (UE) è stata pari a 477 kg, in calo del 9% rispetto al suo picco di 527 kg per persona nel 2002, ma in leggero aumento, per la prima volta dal 2007, dai 474 kg registrati nel 2014.

La produzione pro capite anno più elevata in Europa è stata registrata in Danimarca (789 kg/ab), Cipro (638), Germania (625), Lussemburgo (625) e Malta (624).
Gli stati con la più bassa produzione pro capite/anno sono: la Romania (249 kg/ab dati 2014), Polonia (286), Repubblica Ceca (316) e Slovacchia (329).

Il 46% dei rifiuti urbani è stato riciclato o compostato nel 2015.

I rifiuti urbani sono stati trattati in modo diverso nell’Unione.

Nel complesso, il 29% è stato riciclato mentre il 28% è finito in discarica, il 26% incenerito e il 17% compostato.

La quota di rifiuti urbani riciclati o compostati nell’UE è costantemente aumentato nel periodo di tempo, dal 17% nel 1995 al 46% nel 2015.

Dall’altra parte degli Stati membri, il riciclaggio e il compostaggio insieme hanno rappresentato per oltre due terzi del trattamento dei rifiuti in Germania ( 68%), e per più di metà in Austria e Slovenia (entrambi 58%), il Belgio (55%) e Paesi Bassi (52%).

 

Vai alla pagina di Eurostat

Waste generation in EU 28 - 2015

Waste generation in EU 28 – 2015

Post collegati:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*