Un sondaggio rivela che l’imballaggio in vetro è la scelta migliore per i consumatori attenti all’ambiente

VETRO

La metà dei consumatori acquista più prodotti in imballaggi di vetro rispetto al 2016 e 9 su 10 raccomandano il vetro come il miglior imballaggio. Decisioni di acquisto sempre più guidate dalla riciclabilità e da considerazioni ambientali. I risultati arrivano quando gli stakeholder della catena del valore di “Close the Glass Loop” si incontrano oggi per discutere su come migliorare ulteriormente la raccolta e il riciclaggio del vetro.

Mentre le industrie, le imprese e i politici si impegnano fortemente in iniziative come il Green Deal europeo e gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, i consumatori di tutta Europa stanno prendendo sempre più misure per ridurre il loro impatto ambientale – e le ultime cifre dell’industria del vetro dimostrano che la consapevolezza di il riciclaggio e l’impatto ambientale sono sempre più alla base delle decisioni di acquisto quotidiane.

Un sondaggio indipendente sulla ricerca dei consumatori condotto tra più di 10.000 consumatori in 13 paesi europei, commissionato da Friends of Glass e dalla European Container Glass Federation (FEVE), rivela che le persone acquistano più vetro che mai: la metà dei consumatori ora acquista di più prodotti in imballaggi di vetro rispetto a tre anni fa. Allo stesso tempo, 9 persone su 10 raccomanderebbero il vetro come il miglior materiale di imballaggio ad amici e parenti; un aumento dell’11% rispetto al 2016.

Questi risultati sono guidati dall’alta riciclabilità del vetro, insieme a una crescente consapevolezza da parte dei consumatori delle sue credenziali ambientali. Con una vasta rete di impianti di riciclaggio locali e realizzati con vetro riciclato e materie prime (sabbia, carbonato di sodio, calcare) presenti in natura, il vetro è al 100% e riciclabile all’infinito in un sistema locale a circuito chiuso, rendendo il vetro riciclato una risorsa vitale per i nuovi produzione. In effetti, 2 consumatori su 5 scelgono attivamente il vetro rispetto ad altri materiali di imballaggio proprio perché lo considerano più riciclabile rispetto a qualsiasi altro imballaggio.

La sostenibilità è importante per i consumatori

Secondo il sondaggio, l’impatto ambientale degli imballaggi è visto come un fattore decisivo importante negli acquisti di alimenti e bevande, con la maggior parte dei consumatori (3 su 4) “fortemente preoccupati” per i rifiuti di contenitori per alimenti e 1 su 3 intervistati che citano questo la loro considerazione più importante. Allo stesso tempo, il 46% degli europei afferma di aver ridotto in modo significativo il consumo di plastica per prevenire i rifiuti nell’ambiente.

Il vetro si classifica costantemente come il materiale da imballaggio più ecologico: in modo schiacciante, si distingue soprattutto per affrontare la contaminazione e i problemi ambientali, in particolare quando si tratta di evitare i rifiuti alimentari (vetro classificato come “il migliore della categoria” dal 43% degli intervistati), evitando rifiuti di imballaggio (del 43% degli intervistati) e lotta ai cambiamenti climatici (del 48% degli intervistati).

I risultati rivelano inoltre che la stragrande maggioranza dei consumatori sta riciclando i propri imballaggi in vetro: l’84% degli europei afferma di raccogliere i propri vetri separatamente per il riciclaggio, con 8 su 10 che smaltiscono correttamente tappi e coperchi separatamente. Portare il vetro usato in una banca di bottiglie locale è considerato il metodo di smaltimento più conveniente in tutta Europa.

Un passo nella giusta direzione verso un’economia circolare

Tutte queste cifre segnano un passo nella giusta direzione verso un’economia circolare in Europa e il raggiungimento di importanti obiettivi di sostenibilità, come un tasso reale di riciclaggio del vetro del 70% entro il 2025 e del 75% entro il 2030 per paese. A tal fine, l’industria del vetro sta lanciando “Close the Glass Loop”, una piattaforma industriale per aumentare la quantità e la qualità del vetro riciclato stabilendo un programma di gestione dei materiali che porterà a una maggiore raccolta post-consumo e da bottiglia a bottiglia raccolta differenziata. Ciò include gli sforzi dell’industria e delle municipalità per stabilire reti di raccolta separate, insieme a strumenti di comunicazione per coinvolgere i cittadini nella separazione e nella selezione dei loro rifiuti di vetro per il riciclaggio. I risultati vengono pubblicati lo stesso giorno in cui le parti interessate di “Close the Glass Loop” tengono una conferenza online per discutere su come migliorare la raccolta e il riciclaggio del vetro lungo tutta la catena del valore.

Parallelamente, l’industria sta facendo rapidi passi avanti verso la neutralità climatica: per la prima volta un folto gruppo di produttori europei di vetro per contenitori ha unito le forze per costruire la “Fornace del futuro”, la prima fornace elettrica ibrida su larga scala al mondo funzionare con l’80% di elettricità verde, destinato a sostituire le attuali fonti energetiche di combustibili fossili e ridurre le emissioni di CO2 del 50%. Dovuto essere operativo entro il 2022, la fornace sarà in grado di fondere tutti i tipi di vetro insieme al vetro riciclato, riducendo così drasticamente le emissioni di CO2.

 

Fonte: FRIENDS OF GLASS

Post collegati:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*