ERION RACCONTA INNOWEEE: IL RUOLO DEI RAEE PER IL GREEN DEAL EUROPEO

ERION

accolta, Riuso e Riciclo. Sono queste le tre parole d’ordine che hanno guidato per tre anni le iniziative del progetto InnoWEEE, promosso da EIT Climate-KIC con l’obiettivo di aumentare la consapevolezza dei partecipanti sull’importanza che la corretta gestione dei RAEE gioca nella transizione ecologica prevista dal Green Deal Europeo.

Il progetto pilota del Trentino, coordinato dalla Fondazione Bruno Kessler (FBK), ha coinvolto 795 bambini in una competizione digitale tra classi scolastiche che ha portato alla raccolta di 3.806 oggetti (1.493 AEE usate che sono state donate alla Caritas locale, e 2.313 RAEE) per un peso totale di 2.289 kg, consentendo un risparmio di emissioni di COpari a 7.721 kg.

Il progetto pilota a Cava De’ Tirreni (SA), coordinato da Enea, ha portato all’installazione in punti strategici per la cittadinanza di quattro smart bin (bidoni intelligenti) per la raccolta di RAEE del Raggruppamento R4, pile portatili e lampadine a fine vita.

Infine, il pilota di Bath e Sheffield, coordinato da Betterpoints, ha permesso ai cittadini che hanno conferito correttamente i propri RAEE, e che hanno partecipato ad una campagna di indagine sui RAEE e sul divario digitale nel Regno Unito, di essere premiati con “BetterPoints”, valuta digitale che poteva essere scambiata con buoni acquisto o donata in beneficenza, il tutto stimolato dall’utilizzo della tecnologia digitale di una app per cellulare.

L’appuntamento di giovedì 20 maggio 2021, organizzato da Erion con il contributo degli altri partner di progetto, si aprirà con l’intervento di Giulia degli Esposti di DedaGroup Public Services, che presenterà i risultati del progetto InnoWEEE Innovative WEEE traceability and collection system and geo-interoperability of WEEE data”, supportato nel triennio 2018-2021 da EIT Climate-KIC per sensibilizzare i cittadini sul tema dei Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE), sviluppare soluzioni per incrementarne la raccolta dei piccoli RAEE ed esplorare strumenti a supporto del riuso e della preparazione per il riutilizzo.

Alla presentazione seguirà una tavola rotonda virtuale, moderata dalla sociologa ambientale Marina Kovari, alla quale prenderanno parte i rappresentanti delle aziende ed enti di ricerca partner di InnoWEEE, insieme ad illustri ospiti della filiera dei RAEE e del mondo della sostenibilità: Andrea Minutolo, Responsabile scientifico di Legambiente, Bruno Rebolini, Presidente del CdC RAEE, Filippo Brandolini, Vicepresidente di Utilitalia, accanto a Antonella Castellano, Projects and Innovation Specialist di Erion, Marco Tammaro di ENEA e Elisabetta Farella di Fondazione Bruno Kessler, partner del progetto InnoWEEE.

“L’Economia Circolare è un tassello fondamentale nel Green New Deal Europeo, che ha l’obiettivo di far diventare l’Europa il primo continente climaticamente neutrale entro il 2050”. – dichiara Piergiorgio Cipriano, Coordinatore di InnoWEEE per Dedagroup Public Services – “La corretta raccolta e gestione dei RAEE diventa quindi sempre più strategica, soprattutto in un contesto in cui i rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche sono in continuo aumento. Il progetto InnoWEEE è partito da queste considerazioni e ha permesso di sperimentare importanti innovazioni per migliorare la raccolta dei RAEE. La nostra convinzione è che l’innovazione tecnologica possa essere un pilastro per il nuovo approccio alla sostenibilità delle città”.

 

Post collegati:

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*